Tag Archives: applicazione

Nematodi: applicazione per CIDIE DEL CASTAGNO (CIDIE DEL CASTAGNO (Cydia splendana e Cydia fagiglandana) e Cydia fagiglandana)

I nematodi più adatti alla parassitizzazione delle larve di cidie del castagno sono: Heterorhabditis (H. bacteriophora, H. megidis etc.) e con minore efficacia, Steinernema (S. feltiae, S. carpocapsae).   Tratto dalla dispensa “13.3 NEMATODI ENTOMOPATOGENI (Steinernema, Heterorhabditis) Giovanna Curto – Servizio Fitosanitario Regione Emilia-Romagna

Nematodi: applicazione per PUNTERUOLO ROSSO DELLE PALME e PAYSANDISIA

Il nematode entomopatogeno Steinernema carpocapsae in una speciale formulazione brevettata, dimostra un’ eccellente attività nel controllo biologico dei due parassiti delle palme. L’utilizzo di un ceppo di S. carpocapsae con un liquido applicatore a base di chitosano (polisaccaride ottenuto dalla chitina dei crostacei), consente l’attività dei nematodi per alcune settimane anche al di fuori del terreno, colpendo sia gli adulti e le larve del rincoforo, sia le larve di Paysandisia.  Tratto dalla dispensa “13.3 NEMATODI ENTOMOPATOGENI (Steinernema, Heterorhabditis) Giovanna Curto – Servizio Fitosanitario Regione Emilia-Romagna

Nematodi: applicazione per CARPOCAPSA, EUZOFERA, CYDIA MOLESTA (lepidotteri carpofagi)

I nematodi più adatti alla parassitizzazione delle larve di lepidotteri carpofagi appartengono al genere Steinernema, con le specie Steinernema feltiae e, in minor misura, S. carpocapsae. Gli interventi consigliati sono quelli autunnali contro le larve svernanti.  Tratto dalla dispensa “13.3 NEMATODI ENTOMOPATOGENI (Steinernema, Heterorhabditis) Giovanna Curto – Servizio Fitosanitario Regione Emilia-Romagna

Nematodi: schema applicativo per Oziorrinco

I nematodi più adatti alla parassitizzazione delle larve di oziorrinco appartengono al genere Heterorhabditis, anche se risultati soddisfacenti sono raggiunti anche da formulati a base di Steinernema feltiae e, in minor misura, S. carpocapsae. Formulati a base di H. bacteriophora sono commercializzati in Italia in confezioni contenenti 50 milioni di larve infettive. Gli interventi migliori sono quelli contro le giovani larve, più sensibili ed all’inizio della loro azione fitofaga. Tratto dalla dispensa “13.3 NEMATODI ENTOMOPATOGENI (Steinernema, Heterorhabditis) Giovanna Curto – Servizio Fitosanitario Regione Emilia-Romagna

Nematodi: modalità di applicazione

Dove possono essere distribuiti i nematodi al terreno - raggiungono larve di insetti che passano qualche stadio del loro sviluppo libere nel terreno oppure a contatto con le radici; - penetrano negli organi sotterranei della pianta attraverso le gallerie scavate da larve di insetti appartenenti soprattutto all’ordine dei coleotteri; - penetrano nei frutti bacati caduti sul terreno per raggiungere le larve nel loro interno.  sulla pianta  - distribuiti sul tronco di alberi da frutta raggiungono le larve svernanti di lepidotteri (carpocapsa, Cydia molesta, Sesia, Euzofera Continue reading →